Cultura ed Eventi

San Donà, presentato il programma per le festività natalizie

24 Novembre 2023

«Abbiamo salvato il Natale».

Ha aperto così la l’esposizione del lungo programma di eventi e attività natalizie la dirigente del settore servizi ed eventi culturali Sara Campaner.

Un riferimento ai tempi stretti con cui la macchina organizzativa ha dovuto scontrarsi tra il cambio di amministrazione e gli importanti eventi territoriali da portare avanti nel frattempo. Ma alla fine, con un grande sospiro tutto e andato al suo posto: «Appena finite le fiere siamo partiti per mettere in piedi il vastissimo programma di eventi che si sta ultimando, dedicato a un Natale della tradizione e dell’identità territoriale».

«Le tante iniziative che stiamo mettendo in piedi per il centro urbano non sono spese, ma investimenti» ha puntualizzato il sindaco Alberto Teso nella conferenza stampa di presentazione del programma, alla presenza delle associazioni di categoria e dei commercianti.

«Fermo restando la festa religiosa, motivo anche per cui non anticiperemo gli eventi già a novembre, il periodo natalizio è anche un momento di festa commerciale e laica. Un periodo di gioia e divertimento per tutti e nell’organizzazione che abbiamo improntato non vogliamo certamente copiare le città vicine, come Jesolo o Caorle.

Abbiamo investito importanti risorse su proposte di qualità che guardano alla cultura, alla musica, al sociale. Abbiamo coinvolti i commercianti, che sono stai i primi a farsi avanti sulla spinta anche della cura degli arredi che abbiamo ampliato, proponendosi a loro volta per la gestione di 7 casette di somministrazione e vendita lungo la via pedonale».

Un’atmosfera di festa che non sarà limitata al centro città. Grazie infatti agli sforzi dell’assessore alle attività produttive e commercio Lucia Camata, anche tutte le frazioni vivranno di un po’ di magia natalizia con nuove luminarie, donate dalle realtà imprenditoriali del territorio.

«Ringrazio col cuore tutte le aziende che hanno contribuito in maniera importante per acquistare le nuove luci per le frazioni, perché proprio le frazioni sono il biglietto da visita della nostra Città. Questo sarà un patrimonio importante che rimane al comune».

Ha espresso la sua gratitudine Camata, ringraziando una ad una le aziende che, con le 58 luminarie donate, hanno fatto risparmiare all’amministrazione circa 33mila euro: SEFI AMBIENTE SRL ha donato le luci a Chiesanuova, PRODAL SRL per Grassaga, STAMPOPLAST SRL ha contribuito per Mussetta, SANDONAUTO SRL ha “acceso” le luci a Fiorentina, VEPRAL SNC per Palazzetto, CARMIX METALGALANTE SPA a Fossà, IMESA SPA ED ASAC SRL in piazza De Gasperi e Viale Libertà, FERRAZZO MARMI SAS e MIGLIO ROSSO in Isiata.

«La generosità che avete dimostrato è una cosa molto preziosa per la città e per tutti i cittadini – si è rivolta loro anche l’assessore ai servizi sociali Federica Marcuzzo –, Il vostro gesto ha un valore concreto, economico, ma anche educativo per tutta la città, perché dei valori di generosità c’è sempre bisogno».

«È il natale della città – ha aggiunto l’assessore al bilancio Gianluca Forcolin, al quale è spettato l’arduo compito di far quadrare i conti –. Oggi il Natale vede il coinvolgimento di tutte le frazioni, con le luminarie, per portare quel piccolo segno di luce che è gioia e speranza».

Un Natale fatto di molti eventi, sì, ma anche molta solidarietà:

«Tra le varie iniziative, tantissime dedicate alle famiglie e ai più piccoli, un occhio di riguardo è rivolto anche al sociale – ha aggiunto Teso –. Come la prima corsa dei Babbi Natale, in collaborazione con ASD OLL SCARS e CORI IN BOEA, il cui ricavato andrà alla Fondazione Piccolo Rifugio per l’acquisto di un pullmino adibito al trasporto di persone con disabilità; o ancora la “bottega degli elfi”, nell’ex edicola di piazza indipendenza, dove i bambini potranno portare un giocattolo da donare a Casa Saretta, per i bambini meno fortunati.

Una nota curiosa, invece, che sottolinea quanto il centro città stia diventando attrattivo, è la presenza di ragazzi che si fermano a suonare animando con gioia la via pedonale. Ben vengano anche iniziative come queste».

«Ci abbiamo messo il cuore e la passione e abbiamo fatto del nostro meglio per realizzare questo programma – ha concluso Campaner –. L’8 dicembre verrà acceso, come da tradizione, l’albero di Natale in piazza Indipendenza, e intanto, già dal 2 dicembre, daremo un “volto” nuovo per le feste alla stessa piazza, grazie agli effetti di luce creati da fari e proiettori».