Cultura ed Eventi

Caorle, Europei di calcio al via, maxischermo con Antonio Cabrini

14 Giugno 2024

Ci sarà uno spettatore d’eccezione, domani sera a Caorle, per l’esordio dell’Italia agli europei di calcio. Antonio Cabrini, campione del mondo nel 1982, assisterà al match in piazza Vescovado, dove per l’occasione è stato allestito un maxischermo a disposizione di turisti e residenti.

La presenza in città dell’ex calciatore della Juventus, tra i più grandi terzini della storia, rientra nell’ambito della tre giorni di eventi “Chiamare le cose con il loro nome”, organizzata da Tempi e Comune di Caorle. L’Italia, guidata dal ct Luciano Spalletti, giocherà alle 21 contro l’Albania a Dortmund nella gara di esordio del girone. Cabrini sarà presente in piazza Vescovado già alle 20.30 per il consueto bagno di folla. Le prossime partite degli Azzurri sono in programma giovedì 20 giugno a Gelsenkirchen contro la Spagna e poi lunedì 24 giugno, sempre alle 21, contro la Croazia a Lipsia.

Il festival “Chiamare le cose con il loro nome” inizia stasera, sempre in piazza Vescovado con due appuntamenti: prima il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, parlerà di “Libertà e lavoro – La scuola delle due L” presentando il suo libro. A seguire salirà sul palco Federico Palmaroli, autore di satira.

Tre gli appuntamenti di domani, oltre a quello serale con Cabrini. Alle 11.30, in Municipio, si parlerà del “Dramma dimenticato dei cristiani perseguitati” con Marta Petrosillo direttrice del Centro studi sulla libertà religiosa di Aiuto alla Chiesa che soffre, e Paul Bhatti, medico ed ex ministro dell’Armonia nazionale e degli Affari delle minoranze in Pakistan. Al termine dell’incontro, a Petrosillo, verrà consegnato il Premio giornalistico Luigi Amicone.

Alle 18 ecco “Europa senza polmoni. La guerra russa in Ucraina e la fine di un sogno”. Sul palco saliranno l’ex ministro della Difesa Mario Mauro, l’inviato di guerra Fausto Biloslavo e Anna Krasnikova, docente universitaria. Domenica alle 11, in Comune, parlerà il filosofo Alain Finkielkraut, che riceverà il Premio Luigi Amicone-Premio Cultura Città di Caorle 2024.