Cultura ed Eventi

Cavallino-Treporti, la consegna delle cittadinanze onorarie e delle benemerenze

14 Dicembre 2022

Il 13 dicembre per la comunità di Cavallino-Treporti è una data che non può essere dimenticata: è il ricordo del referendum del 1998, nel quale i cittadini del litorale hanno votato per la divisione dalla città di Venezia. Una data che ha sancito il passaggio per l’autonomia, quella che ha consentito in questi anni un percorso di sviluppo territoriale e di costruzione identitaria, grazie alle amministrazioni che si sono succedute e all’impegno di tantissimi cittadini.

L’amministrazione comunale, dal 2015, ha deciso quindi di festeggiare il Comune proprio in questa data.

«Le nostre radici, il lavoro svolto con tanta fatica da chi, negli anni, ha creduto e lottato per realizzare un progetto che desse vita ad un comune nuovo. Durante la cerimonia, ieri, abbiamo ricordato i valori che ci hanno contraddistinto, quelli che devono essere la base di crescita, perché il nostro territorio continui a guardare al futuro e alle nuove opportunità, senza dimenticare da dove proveniamo. Siamo un comune giovane che ha tanta strada da fare, ma è autonomo, e capace di affrontare il presente e progettare il futuro – spiega la sindaco Roberta Nesto -. Cavallino-Treporti sta riscrivendo la sua storia, quella di un territorio che si sta evolvendo e che sempre più sta rafforzando la propria reputazione a livello internazionale».

L’occasione del 13 dicembre è stata per il consiglio comunale un momento per dare un riconoscimento a coloro che si sono contraddistinti per meriti e traguardi raggiunti, dando un importante contributo al territorio.

«Questa amministrazione ha voluto coinvolgere in questi anni la comunità in questo ricordo, riconoscendo e restituendo un grazie di cuore a tutte quelle persone e quelle associazioni che si sono contraddistinte per il loro impegno nel territorio e per la nostra gente, nei campi del sociale, della cultura e dell’economia – aggiunge la presidente del consiglio Giorgia Bortoluzzi -. Il percorso dello sviluppo indipendente di Cavallino-Treporti è il risultato di tanti traguardi raggiunti, di tante persone che hanno dato, e che stanno dando, un fattivo contributo alla nostra comunità».

Cittadinanza onoraria:

alla dott.ssa Marta Cortella per l’esemplare affezione ed interessamento verso la comunità di Cavallino-Treporti unanimemente riconosciuti e testimoniati attraverso la propria professione esercitata con competenza e passione, contribuendo al miglioramento della qualità della vita e della convivenza sociale del nostro territorio;

al dott. Lucio Brollo, primario dell’Unità Operativa Complessa di Medicina e Cardiologia Riabilitativa dell’Ospedale di Jesolo. Nel periodo pandemico si è occupato, per conto dell’ULSS4, della Direzione dei Reparti Covid, organizzando e coordinando i servizi di vaccinazione anche nel nostro territorio con l’ausilio dei nostri volontari. Sempre pronto a dare risposte concrete in tempi brevi con competenza e umiltà per far fronte alle diverse necessità del nostro territorio.

Benemerenza civica:

ad Andrea Dalla Mora che con opere concrete nel campo del lavoro e con atti di coraggio e abnegazione civica, ha concorso a dare prestigio al Comune di Cavallino-Treporti;

al dott. Lionello Piovesan, medico di base di Cavallino-Treporti che ha esercitato la professione con competenza e preparazione nel proprio paese natio. Una sfida di fiducia, rispetto e amore reciproco con i compaesani che sapevano sempre dove trovarlo;

ai rappresentati delle quattro parrocchie del Coro San Francesco, che all’unisono, per il Santo Patrono, danno voce a tutte le parrocchie di Cavallino-Treporti, coinvolgendo parrocchiani di tutte le età che dedicano il proprio tempo a servizio della comunità. Il canto e la musica sono una forma d’arte ma anche un camminare insieme. La presenza, l’entusiasmo e l’impegno profuso che ciascuno mette è un dono essenziale per la crescita di una comunità fatta di persone che hanno come obiettivo il bene comune.

Benemerenza civica alla memoria:

al cav. Gino Scarpa, che con opere concrete nel campo del lavoro, con impegno civile e sociale, con atti di abnegazione civica, ha contribuito alla crescita del nostro territorio;

al cav. Orlando Bergamo, che con opere concrete nel campo del lavoro attraverso anche iniziative di carattere sociale, promuovono l’immagine ed il prestigio della comunità di Cavallino-Treporti.

L’encomio:

al Circolo Fotografico 200ISO che, con opere concrete, concorre al miglioramento della qualità della vita e della convivenza sociale conseguente al generoso impegno nel lavoro;

al dott. Alessio Nardin, per il personale apporto al miglioramento della qualità della vita e della convivenza sociale conseguente al generoso impegno nel lavoro;

a Maurizio Guerra, associato alla Pro Loco, per esemplare affezione ed interessamento a servizio della comunità di Cavallino-Treporti “dedicando il suo tempo oltre il tempo.