Cronaca

Rintracciato a Jesolo il 31enne che a febbraio avrebbe picchiato una coppia gay a Roma

23 Marzo 2021

È stato identificato e denunciato dalla polizia il presunto autore dell’aggressione a una coppia gay all’interno della stazione metro fermata Valle Aurelia di Roma, avvenuta lo scorso 26 febbraio. Si tratta di un romano di 31 anni con precedenti di polizia che vive e lavora a Jesolo.

La notizia dell’aggressione era trapelata solo alcuni giorni fa, attraverso un video messo in rete dall’associazione Gaynet Roma, che nei giorni scorsi ha fatto il giro del web.

La ricostruzione dei fatti del 26 febbraio:

L’uomo del video è stato riconosciuto dagli agenti della polaria di Venezia che lo avevano identificato proprio il 26 febbraio scorso all’interno dell’aeroporto a causa di un diverbio con una donna. Quel giorno il 31enne avrebbe dovuto fare ritorno da Jesolo a Roma, ma all’interno dell’aeroporto di Venezia ha avuto un’accesa discussione con una donna e quindi perso il volo, così ha deciso di partire per la capitale in treno. Il fatto è stato verificato anche dalla Polfer, che lo aveva controllato alle 17.05 in stazione a Mestre.

Partito dalla stazione ha fatto arrivo a Roma alle 21.25, dove ha poi preso la metro, scenario dell’aggressione alla coppia gay.

Rintracciato a Jesolo:

Una volta identificato, quindi, nella giornata di ieri gli agenti di Polizia si sono recati nell’abitazione di Anguillara, dove hanno appreso dai genitori che il 31enne era ripartito per la città lagunare.

Le volanti del Commissariato della Polizia di Stato di Jesolo, informate della presenza dell’uomo sul territorio, si sono immediatamente messe sulle sue tracce, pattugliando strada per strada, fino a quando, dopo accurate ricerche e perlustrazioni, sono riuscite ad individuarlo, riconoscendolo per strada mentre era in compagnia di alcuni amici. I poliziotti hanno dunque inviato ai colleghi romani le foto dell’uomo, che è stato riconosciuto dalle vittime.

Il soggetto è stato quindi deferito all’Autorità Giudiziaria per lesioni aggravate.