Politica

Portogruaro, videoconferenza con le associazioni per definire modalità dei centri estivi

28 Maggio 2020

Centri estivi per restituire ai piccoli fondamentali opportunità di educazione e socializzazione, ma anche per sostenere le famiglie impegnate nella ripresa delle attività lavorative.

In un tavolo in teleconferenza ieri, mercoledì 27 maggio, il Vicesindaco di Portogruaro Luigi Toffolo ha incontrato le Associazioni sportive, di volontariato, le Parrocchie e i privati impegnati nell’organizzazione dei centri per i bambini. Fortemente voluti dal Dipartimento per le politiche della famiglia e dalla Regione Veneto, prevedono una serie di linee guida per la corretta gestione in relazione alla sicurezza sanitaria post Covid.

L’importanza è recepita dal Comune di Portogruaro che sta svolgendo un’azione di coordinamento e di stimolo dei vari gestori coinvolti nell’organizzazione dei centri estivi. Inoltre, secondo le linee guida nazionali e regionali, il Comune avrà il compito di accogliere i singoli progetti redatti dai gestori, che dovranno prevedere regole e procedure per garantire la prevenzione e la sicurezza.

Scopo dell’Amministrazione è anche quello di informare sulle normative recentemente emanate dallo Stato e dalla Regione, e scambiare pareri, idee e dubbi in un confronto costante che vada a vantaggio di tutti. Il Comune potrà mettere a disposizione degli spazi aperti a chi ne facesse richiesta con modalità da programmare, al fine di privilegiare le attività all’aperto come indicato dalle norme.

«Sta molto a cuore a questa Amministrazione comunale contribuire a organizzare il periodo di transito dall’emergenza epidemiologica alla ripartenza delle attività cittadine, dando una risposta alle famiglie – commentano il Sindaco di Portogruaro Maria Teresa Senatore e il Vicesindaco Luigi Toffolo – E sta a cuore sostenere i progetti educativi dei nuclei parentali con bambini portatori di handicap.
L’obbiettivo è garantire la presenza di punti di riferimento e un dialogo e un confronto costanti sugli aspetti relativi alla prevenzione e sicurezza».

La prossima videoconferenza è fissata per mercoledì 3 giugno.