Cronaca

Caorle, Striuli: “attenzione alle truffe”

30 Marzo 2020

Nuovo capitolo dell’emergenza coronavirus: c’è anche chi si finge operatore della casa di riposo o operatore sanitario per truffare le persone, chi si approfitta dell’allarme coronavirus per inaugurare nuovi tipi di truffa alle persone.

«In queste ore sono stati segnalati finti operatori della casa di riposo o operatori sanitari, muniti di giubbotti gialli catarifrangenti, che chiedono di visitare l’appartamento o comunque dare informazioni con lo scopo di entrare in casa e rubare denaro e oggetti di valore a persone sole o anziane. Apparentemente si presenta una sola persona per intrattenere la vittima mentre altra persona tenta di entrare in casa.
Questi sono solo truffatori e sciacalli che approfittano dell’emergenza coronavirus per truffare le persone anziane e sole».

La raccomandazione è quindi di non far entrare queste persone e di chiamare subito le forze dell’ordine e di Polizia.

«Preciso che non c’è nessuna attività di porta a porta in corso nel territorio del Comune di Caorle – chiarisce il Sindaco Striuli – ad eccezione solo della consegna delle mascherine protettive a cura degli operatori della protezione civile comunale di Caorle, facilmente riconoscibili dalla divisa e dall’auto di servizio d’emergenza».